LOVEHEALING E IL DONO

Stavo riflettendo sulla meraviglia di LoveHealing: le sue tecniche sono davvero semplici e allo stesso tempo potenti.

Mi sento di dirlo con naturalezza, basandomi non solo sulla mia esperienza personale: quella più potente arriva da chi – avendo partecipato al corso e utilizzando la tecnica – mi scrivono per condividere i loro risultati.

Ciascuna di queste persone, dopo aver partecipato al corso, viene inserita nel gruppo virtuale di Facebook e lì si sente libera di scrivere le esperienze e nuove modalità di applicazione. Inoltre il gruppo ha la funzione di unirsi in un comune aiuto ogniqualvolta c’è una necessità.

E proprio di questo voglio discutere con voi.

Quando abbiamo un problema e possiamo intervenire con una tecnica funzionale per poterlo migliorare, siamo a metà dell’opera.

Spesso accade che – avvolti dal momento di malessere – dimentichiamo di usare le tecniche imparate, perseverando nel lamento e aumentando il disagio.

Altre volte accade che non abbiamo la forza di fare nulla e scegliamo di lasciarci coccolare accogliendo ogni pensiero d’amore ci possa arrivare.

Tutte e due le modalità vanno bene,

se agite nella piena consapevolezza

 

C’è un altro modo per intervenire su noi stessi, e l’ho sperimentato qualche giorno fa. Avevo un malessere determinato da una scelta che devo compiere ma ancora non riesco a trovare il modo. Ho pensato: “Come posso fare? Quale può essere una strada nuova da esplorare per poter migliorare questa situazione?” 

E la risposta è arrivata prontamente: “Dai agli altri ciò che vorresti ricevere in questo momento!” Dunque mi sono attivata ed ho utilizzato l’energia universale che LoveHealing mi mette a disposizione e virtualmente l’ho inviata alle persone coinvolte nel mio problema. Non solo: l’ho estesa a tutte le persone che in questo momento vivono la dualità della scelta. 

Risultato: un’immediato benessere, come se l’energia che mi stava affossando e chiudendo i sensi avesse ripreso improvvisamente vitalità, e sulla scia del nuovo ho scritto alcune azioni da fare nell’immediato e che potessero seminare una nuova energia.

A voi che state leggendo e che conoscete le tecniche di LoveHealing lancio il mio invito a sperimentare con le tecniche che conoscete. E a chiunque conosca altre tecniche di autoguargione può scegliere di fare questa esperienza e poi – se si va –  condividerla nei commenti.

Insieme è davvero più facile

La tua SpiritualCoach   Lucia Merico

DONAAGLI ALTRICIO' CHEVUOIRICEVERE.jpg

THANK GOD IS MONDAY!

Thank God Is Monday!

No, non sono impazzita ma oggi…in questo lunedì grigio alessandrino (no non è una nuova tonalità di colore ma lo stato d’animo di quest’aria geografica pianeggiante e monotona) con nuvole spumose della stessa tonalità che incombono sopra la mia testa, la temperatura da freezer e  il traffico stringente che mi ha fatto sentire tanto matita nell’astuccio di prima elementare…io…io…sono carica come una molla! Proprio così e sprizzo energia da tutti i pori…chi mi ha incrociata in auto questa mattina avrà allertato il 118,112,113, Protezione Civile e Animali e chi più ne ha più ne metta:c’è una matta che canta e balla mentre guida con un sorriso troppo grande per essere legale…e poi cavolo è lunedì e piove…avrà sicuramente assunto qualcosa di strano col caffellatte!

E invece…ma facciamo un passo indietro.

Ieri mattina ho scritto a Lucia per condividere (povera lei) le basse frequenze che da giorni mi attanagliavano…al lavoro stress e ritmi serrati per niente salutari, a casa l’organizzazione solita latitava, addosso dolori fastidiosi e costanti saltellavano allegramente dalle mie ossicine ai miei muscoletti e ritorno e le mie lamentele interiori la facevano da padrona anche fuori…non mi stavo piacendo per niente. E non mi piaceva il non piacermi…chiaro no?

Dovevo fare qualcosa. Sicuramente dovevo Alzare Il Culo per cambiare quella litania che erano diventate le mie basse frequenze. E allora…cura intensiva di LH  – LoveHealing – , Iniziazione dei Chakra (fatta due volte aahhhh bene!) e confesso…anche lettura di un intero capitolo di  The Secret per ragazzi (propedeutica alla futura lettura da parte del mio principe dodicenne).

Insomma…tutte queste coccole, amore e attenzione per me stessa mi hanno letteralmente dato la scossa!

Così, dopo la pratica dei riti e le posizioni più strampalate nel farli (volevo a tutti i costi toccarmi dietro al centro delle spalle dove avevo dolore ma alla fine ho abdicato a favore del più comodo filamento cuore-zona malata prima che si bloccasse anche il braccio destro) ho cominciato a fare cambio armadi verificando cosa ancora andasse bene e cosa no ai ragazzi che a loro volta si sono messi a riordinare la cameretta (primo miracolo di Santo LH) che sembrava esplosa da giorni.

Intanto io proseguivo iniziando a mettere ordine anche nei miei cassetti (e finirò che sarà di nuovo il cambio stagione ma questa è un’altra storia).

E magia! Ordine esteriore…ordine interiore…energia pazzesca. I dolori? Boh…forse ci sono ancora ma li sento molto meno. Il lavoro? Stress sparito e anzi stamattina mi sono svegliata con in testa un nuovo progetto lavorativo da proporre al mio capo.

LH colpisce ancora e …fa miracoli…nel corpo, in famiglia, nel lavoro…perché fa miracoli nell’Anima.

E intanto qui è uscito anche il sole…avevate dubbi?

Io no.

Stay tuned (#solofrequenzegiuste)…e buon lunedì a tutti!

Martina Caffo 

Untitled design (1).png

INFLUENZATA DALL’INFLUENZA? C’E’ SEMPRE UN ALTRO MODO!

Condivido con voi una riflessione fatta qualche giorno fa e riportata sulla pagina di FB dedicata a LoveHealing aperta a coloro che hanno partecipato almeno al Corso Base.

Chiacchierando del  il mio decisamente carente stato di salute in quel momento con l’amica e Facilitatrice e Giornalista Roberta Marzola, Trainer del Laboratorio Insieme è più facile di Villorba (TV), si offre di chiedere aiuto al gruppo per sostenermi nella guarigione. Il giorno dopo scrivo:

“Eccomi per una nuova puntata sulla guarigione. Come sapete bene, durante il Corso Base di LoveHealing vi invito a lasciar andare il vecchio per far posto al nuovo.

Stamattina chiacchierando con una di voi, è emersa l’importanza di guardare i fatti e agire di conseguenza, anziché andare alla ricerca della causa scatenante. E’ un passaggio che propongo durante i miei corsi in generale e nello specifico in LoveHealing.

Se mi concentro su cosa potrebbe aver scatenato l’inferno che sto vivendo, sto dando energia a un passato non ben definito. Considerando le varianti di pensieri che si intrecciano nella nostra mente durante una singola giornata  – stimati grossomodo in circa 65.000 forme pensiero al giorno –  è come cercare un ago in un pagliaio!

Se invece parto da dove sono (disagio fisico, mentale, comportamentale, sociale etc…) e scelgo la guarigione (gioia, serenità, pace, abbondanza etc…)  metterò la mia mente nella condizione di concentrarsi sul “positivo” anziché su un passato che, nella maggior parte dei casi, potrebbe essere davvero “negativo”, portando ancor più sconforto nella mia vita.  Ci siete? Bene!

Continuando: il differente modo di vivere questa mia influenza (già il nome è tutto un programma), sostenuto dalla vostra straordinaria energia e dalla mia volontà di accoglierla, mi ha portata a non farmi “influenzare” dal vecchio e lamentoso atteggiamento (ho la febbre, non respiro, mi sento male …)  lasciando unicamente spazio per un nuovo benessere. Ho fatto esperienza: totale! Significa che una luce di consapevolezza si è accesa ed è andata a illuminare la coscienza, radicando l’esperienza in maniera inconfutabile!

Quando avviene questo cambio di percezione o “miracolo”, il corpo ha un’impennata energetica davvero importante, tutto a vantaggio di una consapevolezza maggiore.
L’attenzione è alta. Se mi accorgo di qualcos’altro, vi scrivo.  Ancora grazie a tutti!”

Ho voluto condividere con il gruppo, proprio come sto facendo con te ora, questa visione che già conoscevo e che si è delineata ancor più forte fino a portare valore alla mia vita, oltre a un benessere ulteriore nonostante ci fosse ancora il problema.  E il risultato, sul piano mentale, è stato una più ampia consapevolezza del significato di “malattia” e “guarigione”, comprendendo con certezza la loro unione anziché vederle come entità separate. E sul piano fisico cosa è accaduto? La febbre non è passata e neppure il raffreddore, ma è passata la mia voglia di lamentarmi lasciando libero il posto alla gioia e alla voglia di fare, da cui è nato un nuovo incontro: CREA LEGGI AMA – Incontro di Donne che corrono coi lupi.

guarigione-econoscenzavolontae-azionein-un-unico-momento

Autoguarigione non è riferito  certamente e unicamente al corpo, ma a quella parte di mente che ancora crede nella carenza in ogni sua forma e che possiamo nutrire con pensieri nuovi e nuovi atteggiamenti.

Alla prossima e … Accorgiti!

Lucia Merico 

LOVEHEALING: IL MIO TRUCCO PREFERITO PER DOMARE LA MENTE

La mia ricerca spirituale è iniziata circa vent’anni fa e sin dall’inizio si è focalizzata su un solo grande obiettivo: domare la mente, che con il suo chiacchiericcio, conscio o inconscio, condiziona le nostre scelte e ci impedisce di vivere la libertà del momento presente.
L’attività mentale rappresenta spesso un grande spreco di energie, perché ci porta a rimuginare sui pensieri, sulle situazioni e sulle emozioni, la gran parte delle volte senza portarci a nessuna nuova conclusione o intuizione. È come un formicolio diffuso, da cui ci lasciamo rubare le energie.

Ho imparato a riconoscere quei momenti da tempo, nel tentativo di “ottimizzare” la mia gestione interna e di liberare risorse nella mia vita. Oltretutto, fermare quel chiacchiericcio libera anche l’umore dalle pastoie della mente.

Il passo successivo che segue l’accorgermi di un flusso inutile di pensieri è il tentativo di orientarli verso ragionamenti mirati e utili, oppure stopparlo del tutto e concentrarmi sul respiro, nel tentativo di lasciare libera la mente dagli ospiti indesiderati… Da quando conosco LoveHealing, ho trovato una terza via, che attualmente è la mia preferita: quando colgo la mia mente intenta a vagare, risucchiando inutilmente la mia attenzione, proietto subito l’energia di guarigione di LoveHealing sui pensieri del momento, che immediatamente si rischiarano e spesso mi lasciano libera, dissolvendosi. Erano i pensieir inutili! Altre volte accade che ragionamenti conditi con emozioni tristi o paurose diventino, con l’applicazione di LoveHealing, improvvisamente leggeri e forieri di un futuro più sereno!

Con LoveHealing riesco a isolare le situazioni a cui penso dai pensieri di cui le infarcisco in maniera automatica, lasciando che la luce di guarigione illumini le mie percezioni. Questo accade sia rispetto a situazioni problematiche, rispetto alle quali acquisisco immediatamente più fiducia, sia quando penso a circostanze già belle di per se stesse, che con il trattamento diventano ancor più brillanti!

Utilizzato così, per me LoveHealing è diventato una potente ancora che mi riporta subito in una dimensione di luce, che è quella che desidero rendere stabile nella mia vita.

Roberta Marzola – Facilitatrice LoveHealing –  Consulente Marketing e Comunicazione, Web Writer, Giornalista free lance

 

E’ STATO COME TORNARE A CASA

IMG_0414.JPG

“Il corso di LoveHealing è stato come tornare a casa. Come se una parte di me che c’è sempre stata, ma che dormiva, fosse stata svegliata. E, come accade quando non si usa un braccio per molti mesi, diciamo che all’inizio era un pochino “atrofizzata”.

Lamia mente, che è bravissima a ostacolarmi nel mio fluire, mi metteva i bastoni tra le ruote. Non ricordavo le parole o comunque non mi “suonavano giuste”, spostavo le mani insieme quando facevo l’autotrattamento, dimenticavo di affidare il problema all’Universo e così via… Più mi sforzavo per connettermi e meno mi sentivo connessa.

E’ sempre così in fondo, più ci si sforza e meno sentiamo naturale ciò che ci stiamo sforzando di fare. E l’amore è una cosa che, lasciata a se stessa, fluisce senza sforzo e senza cause. Non occorre sforzarsi, basta essere e aprirsi. Così ho cominciato ad ascoltare semplicemente il mio corpo e ho permesso a me stessa di essere semplicemente chi sono.

Lasciate da parte tutte le parole, esprimo il mio intento con immagini e sensazioni e lo sento solido dentro di me. Facendo così la connessione è istantanea ed elettrica. Affido ciò che devo affidare sempre con delle immagini ed esprimo il mio essere mezzo pensando di farmi da parte dopo che ho unito la mano della persona o ho messo il problema nel vortice della Sorgente e la gratitudine non la dico a parole. La sento, e so che anche l’universo, con cui io sono uno, la sente.

In genere non mi veniva in mente di usareLH per cose diverse da un problema fisico che necessita una guarigione. Fino a stamattina.

Ero in treno e riflettevo su una questione di lavoro piuttosto spinosa e che rischia di protrarsi a lungo con conseguenze fastidiose. Una cosa che conosco bene di me è che faccio fatica a smettere di immaginare e rimuginare su tutti i possibili risvolti che una situazione può assumere, e in questo caso prevalevano le immagini non piacevoli. Uhm… da pensieri così non può venire niente di buono.

Ora, so bene che la cosa migliore che posso fare è affidare il problema e le preoccupazioni e lasciare che tutto si risolva nel miglior modo possibile e nell’interesse di tutti coloro che sono coinvolti. So bene che ansia e preoccupazione porteranno la manifestazione di ciò che in realtà non voglio. Nonostante io sappia, a parole, questa è un’area su cui ho ampi margini di miglioramento.

Stamattina fermo i pensieri dicendo a me stessa che mi rifiuto di passare i prossimi mesi a rimuginare sulle peggiori cose che possono accadere, l’ideale sarebbe mandare amore a tutta la situazione. Come posso fare? E lì si è accesa la lampadina: con LH!!!

Mi sono connessa, ho affidato il problema all’universo chiedendo amore e guarigione e che tutto vada nel migliore dei modi considerando tutti quelli che sono coinvolti.

Alla fine mi sono resa conto che, per la primissima volta, sono riuscita ad affidare veramente un problema. Dopo ho provato una grandissima pace interiore ed ero in grado di non pensarci più. Grandissimo risultato dal mio punto di vista.

Inoltre ho capito che non sono solo le persone che possono essere guarite dall’amore dell’Universo. Guarire è un termine che può esser facilmente frainteso o utilizzato impropriamente, cosa che il più delle volte facciamo. Guarigione può riguardare anche un problema lavorativo, un’aspettativa delusa, un torto subito, i problemi ambientali, e via via sempre più in esteso. Non si tratta nemmeno di essere megalomani, perché tutta la grandezza non è mia, ma dell’Universo. Guarigione porta con sé perdono e gratitudine,e forse oggi è guarito qualcosa anche di me. Sono grata.”

(Monica Moro – Nutritional Counselor)

Grazie di cuore, Monica per aver portato la tua preziosa testimonianza.

Prossimo evento:

LOVEHEALING Corso Base – 18 Settembre 2016 – Corte Franca (BS)

INSIEME E’ PIU’ FACILE

La caratteristica che maggiormente identifica la tecnica di LoveHealing Corso Base e Avanzato è la condivisione.

Come autrice del metodo ho la netta convinzione la condivisione con una o più persone provvede ad aumentare il potere personale, inteso come la capacità di poter liberamente gioire della propria energia indirizzandola dove desideriamo. Di fatto, le persone che partecipano ai due livelli vengono inserite in un’apposita Aula Virtuale adatta per condivisioni, gruppi di guarigione a distanza e nuove esperienze.

IMG_0684.PNG

Avvicinarsi a LoveHealing significa imparare ad essere d’aiuto, privilegiando l’unione anziché la separazione per rinforzare una visione fondamentale: ogni incontro è sacro e porta valore nella nostra vita. (Lucia Merico)

Prossimo Corso: 8 Maggio 2016 –  LoveHealing Corso Base – Pesaro (PU)

NATURA

Il contatto con la Natura in generale è un modo per ritornare allo splendore dell’autoguarigione. Personalmente a mo la natura e in particolare gli alberi: in primavera quando rinascono a nuova vita così come in autunno, prima di addormentarsi. In estate quando puoi rinfrescarti sotto i loro grandi cappelli e in inverno carichi di neve e cristallizzati dal ghiaccio.

Come ogni altro essere vivente, anche gli alberi hanno i loro Angeli: sono i  Deva, la coscienza Divina delle piante, lo Spirito dell’albero, che abita la loro parte sottile. Alberi come ossigeno di vita, come amici dell’uomo ai quali forniscono nutrimento con i loro frutti, legno per le case, per il fuoco, per i mobili: alberi che contengono il terreno durante le inondazioni, che fanno da rifugio per le piccole creature della foresta, alberi per la bellezza della nostra Terra.

Ci può essere scambio tra esseri umani e alberi? Io credo di si. Uno scambio discreto e sottile, spesso impercettibile. Una volta stabilita la connessione, gli alberi sono in grado di trasmettere e comunicare in maniera discreta per non provocare timore a chi ancora non e’ pronto alla loro presenza.

Si narra che  il Deva degli alberi si manifesti come principio femminile, a volte assumendo perfino un aspetto del tutto umano, in forma di bellissime fanciulle: per questo motivo molti alberi sono oggetti di culto e venerazione.

Favole, fantasie? Poco importa per chi conserva lo spirito bambino di chi osserva curioso e gioca con la vita. Ed è proprio con questo spirito che si è in grado di interagire con loro, ascoltarne i racconti di terre lontane e talvolta storie personali, affascinanti e coinvolgenti che possono aiutare nei momenti meno rosei.

Quando hai bisogno di lasciar andare la confusione, quando vuoi risposte alle tue domande o vuoi più armonia nella tua giornata, trova un momento per camminare nella natura, guardandoti intorno. Scegli un albero e siedi con la schiena appoggiata al suo tronco: rimani lì, semplicemente, ponendo le domande e attendendo le risposte. Ti stupirai di come la natura sia un valido sostegno in particolari momenti della vita: e quando hai terminato ringrazialo e lascia qualche briciola di pane sulle sue radici.

 

SPIRITO DI SERVIZIO

IMG_0444

Il gruppo di LH su FB è molto attivo: i Facilitatori e le Facilitatrici (in numero maggiore queste ultime) sono un valido sostegno per chiunque desideri fluire nel cambiamento.

Negli ultimi giorni sono state molte le occasioni per mettere in atto lo spirito di servizio attraverso le tecniche di LH. Essere di sostegno ai cambiamenti altrui utilizzando la tecnica “a distanza” è un valido contributo per i nostri cambiamenti. E siccome tutto il gruppo sta imparando a credere che nulla avviene per caso e che siamo tutti collegati –tra di noi e con l’Universo intero- da un filo impercettibile, ho fatto loro una domanda: “Utilizzare le tecniche di LH per facilitare la guarigione (intesa come miglioramento della propria vita in generale) altrui, aumenta in maniera esponenziale la possibilità di migliorare la nostra vita personale. Dunque, la mia domanda è: ve ne siete accorte/i e se sì, quali sono stati i vostri personali cambiamenti?”

E queste sono le risposte di alcune Facilitatrici:

“Io mi sono accorta che ormai LH è diventato per me un modo di vivere … mi viene di default spesso e senza che mi venga chiesto … ho notato che quando lo faccio mi rasserena e rilassa e così facendo affronto meglio il mio presente … è come se lui quando si attiva per aiutare qualcuno in automatico schiarisce anche la nebbia che trova nel mio cuore (Laura Beschi – imprenditrice)

“Me lo stavo proprio chiedendo … non sono al top ultimamente, però mi rendo conto che c’è una fiammetta che resta viva … forse proprio grazie a LH … lo sto anche usando come auto trattamento quotidiano” (Chiara Colusso – studentessa universitaria)

“In effetti in questi giorni, nonostante la mia vita continui nello stesso modo di sempre tra tanto lavoro e impegni, affronto la giornata con grande leggerezza che mi stupisce, come se ci fosse sempre una luce accesa nella stanza della mia mente, che mi dice che il meglio deve ancora venire, che mi dice di avere fiducia nella vita e nel futuro” (Margherita Invernici – imprenditrice)

Tanta gratitudine a tutti voi.

FAI AL MEGLIO CIO’ CHE SAI

IMG_0448

La cosa migliore che puoi fare per usare LoveHealing nella sua totalità è rendere la tecnica di facile comprensione per te, usando le parole che sono più in armonia con il momento e con la situazione.

Aprire un dialogo nuovo con la Fonte Universale (io lo chiamo Dio) è una delle condizioni che maggiormente ti conducono verso una felice consapevolezza. Sperimenta, diventa pioniere di nuove applicazioni e, soprattutto, ricorda che il limite è sempre e solo nella tua mente. Accorgiti. (Lucia Merico)

LOVEHEALING Tecniche di AutoGuarigione

 

nulla-cambiase-non-cambi-nulla

Cos’è LoveHealing

E’ una tecnica di Autoguarigione e Risveglio delle proprio potenziale assopito che nasce da anni di ricerche e sperimentazioni da parte dell’autrice Lucia Merico nel campo della Crescita Personale e Spirituale. Le tecniche utilizzate sono il frutto di un’attenta selezione di numerosi metodi ampiamente sperimentati che racchiudono dentro di sé il misticismo orientale unito alla praticità occidentale.

La frenesia della vita quotidiana e l’avvento della tecnologia ti portano a credere di avere sempre meno tempo da dedicare a te stesso. Questo è il motivo per cui l’essere umano occidentale si è allontanato da tutto ciò che è conoscenza interiore facendo scomparire quasi totalmente dalla sua memoria termini significativi come autoguarigione e cioè la capacità di trovare risorse interiori e profonde in grado di produrre e apportare benessere in ogni area della propria esistenza.

LoveHealing  ti aiuta, attraverso l’applicazione pratica delle sue tecniche,  a recuperare questa conoscenza attraverso le numerose possibilità che ti vengono offerte ogni giorno, migliorando considerevolmente la vita quotidiana sotto ogni sua forma e aspetto.

Mente Corpo Spirito sono Una Sola Entità, unita e integra, le cui conoscenze hanno bisogno di essere recuperate per esprimersi nella loro totalità.

I prossimi appuntamento con LOVEHEALING – Corso Base :

Tutte le informazioni sul Calendario Appuntamenti